I Centenari CGIL - back home







 
Calendario delle celebrazioni


05/29/1999 - Ferrara; sala dell'Imbarcadero al Castello Estense

La memoria della contrattazione

una giornata di studio

E' il Senatore Claudio Vecchi, Presidente del Comitato per le Celebrazioni del Centenario, che propone le ragioni di questo convegno: "compito primordiale del Sindacato è quello di difendere i lavoratori migliorando le loro condizioni di lavoro e di vita, contrattando un giusto salario per le loro prestazioni. Da ciò non si può prescindere nel momento che si vuole ricostruire la storia sindacale di quest'ultimo secolo.
Siamo partiti riflettendo sullo sciopero del 1897, che rappresentò un momento importante anche nel rivendicare il diritto di rappresentanza. Rappresentanza che conseguentemente si determinava attraverso l'organizzazione in Sindacato e si affermava nel momento in cui occorreva contrattare i nuovi patti di lavoro.
Contrattare, compito primario del Sindacato, l'insieme della prestazione lavorativa: le condizioni in cui si svolgeva il lavoro; l'intensità del lavoro; la professionalità richiesta; l'orario; il salario, le prestazioni previdenziali. Nel corso degli anni le basi del rapporto di lavoro sono andate via via modificandosi - da prestazioni inizialmente faticose esclusivamente manuali (gli scariolanti, i boari) a prestazioni sempre più complesse e professionalmente più qualificate che richiedevano organizzazione, una conoscenza tecnica ed una più alta capacità intellettuale.
In questo contesto sono andati quindi evolvendo gli stessi elementi basilari della contrattazione, ponendo di volta in volta, con più accentuazione, ora un aspetto ora un altro: come il salario collegato alla produttività, oppure le condizioni di lavoro a salvaguardia dell'integrità fisica e della salute del lavoratore. C'è stato perciò un continuo cambiamento della contrattazione con una dinamicità dell'azione sindacale che ha portato così a scrivere un "Codice di diritto sindacale" costruito da una pluralità di soggetti e non cristallizzato nel tempo. La memoria della contrattazione è necessaria per capire l'evoluzione dei rapporti sociali ed il determinarsi dello sviluppo della nostra società sul piano civile, culturale, democratico, economico, politico e sociale.
Le dure e lunghe lotte che si sono sviluppate nel corso di quest'ultimo secolo, le conquiste realizzate, l'evoluzione del concetto di diritto hanno portato il lavoro alla base del nostro ordinamento costituzionale tanto da affermare nell'art. 1 della Costituzione che: "l'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro". Conseguentemente a ciò a scrivere gli artt. 35 - 36 - 37 - 38 - 30 e 40 che tutelano il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni stabilendo i diritti dei lavoratori, i modi di rappresentanza, il diritto di sciopero. Da ciò trae più forza ed ispirazione l'azione del Sindacato considerando che il lavoro è fonte oggettiva e soggettiva del diritto."


Le Camere del Lavoro centenarie: